Metti la testa a posto, grazie ai professionisti barbieri e parrucchieri di Perugia

sorridere

La palestra di Norcia si è trasformata in un centro estetico speciale tra solidarietà, bellezza e sorrisi. La città di san Benedetto è una delle località tra le più colpite dal forte terremoto dello scorso 24 agosto, insieme al comune di San Pellegrino e quelli limitrofi, dove il sisma ha provocato feriti e molti danni, e dove gli abitanti non hanno più nulla. Alejandra, Carlo, Catia, Cinzia, Costanza, Loredana, Mauro e Mina sono i professionisti barbieri e parrucchieri di Perugia che l’11 e il 12 settembre hanno messo a disposizione la loro arte a signore, signori, anziani e bambini, solo per donare gratuitamente un po’ di relax con tagli, pieghe, trucco, riviste e caramelle.

Da sempre l’acconciatore è in grado d’instaurare un rapporto di fiducia con la persona che ha deciso di affidarsi alle sue mani: crea uno stile, un’emozione, un ricordo. È l’interlocutore perfetto per suggerire idee e cambiamenti di pettinatura riuscendo ad assecondare la personalità del cliente che si riappropria dei propri desideri e delle più piccole abitudini quotidiane, come aggiustarsi la capigliatura prima di uscire da casa. Adesso quella casa, il rifugio della propria vita e luogo intimo per eccellenza, i residenti di Norcia e dintorni non ce l’hanno: è crollata o inagibile. E quella palestra, con nude pareti bianche, ha reso possibile l’incontro di questi professionisti della bellezza con la gente del posto nel grande spazio adibito a salone, da cui però s’intravedono i letti in fila per il riposo, anonimi e tutti uguali. Lì accanto si sono fatti belli e hanno raccontato le loro storie, vicinissime a noi. Tutti quanti i parrucchieri, anche se stanchi dopo due intere giornate di lavoro e più di cento clienti, hanno testimoniato quanta gioia avessero riportato con sé nella loro di casa e di vita, coscienti di essere fortunati rispetto ai quei bimbi che hanno costantemente paura di nuove scosse, anche quando torneranno a scuola, e di non avere acqua calda.

Un nonno ha raccontato di avere un nipotino in ospedale con la schiena ferita e ricucita con molti punti di sutura. Una signora ha voluto precisare di essere corsa per prima a incontrare il Presidente del consiglio per stringergli la mano, lei con la sua nipotina in foto, sorridenti, loro a chiedere aiuto per riavere la propria normalità. Parrucchieri e cittadini hanno condiviso la mensa della Protezione civile: cose semplici, nutrienti, lungo la tavola per attenuare un dolore declinato e sfumato, quello del corpo, dei sentimenti e dei sogni di un’esistenza ridotta in polvere. Lo sconforto è scivolato via per alcune ore e qualcuno ha detto proprio così: «Grazie, per un po’ ci siamo dimenticati di essere terremotati». I parrucchieri si sono sentiti utili e apprezzati per un gesto che ha portato spensieratezza fatta di piccoli ma sinceri gesti. Alice, 9 anni, un gran sorriso, ha fatto promettere a una di loro di ritornare a trovarla con smalti più belli!

I parrucchieri ringraziano chi ha fornito i prodotti per poter lavorare al meglio: C.A.A.R.P. soc. coop., CieffeStyle s.r.l di Alessandro Corso, Corcos di Valori Francesco C. S.A.S., Estérel di Mario Zunino & C., Artègo Unigroup di Roma.

L’iniziativa è stata resa possibile dalla collaborazione con il Comune di Norcia, con il Coordinamento Protezione Civile e con l’adesione e il patrocinio del Cesvol Perugia.