Terremoto, tanti modi per essere solidali ma… attenti all’improvvisazione

45500-protezione-civile

Sono tanti i modi attraverso i quali i cittadini dell’Umbria hanno ancora una volta manifestato la propria generosità e vicinanza con le popolazioni colpite dal recente sisma.

CENTRI DI RACCOLTA SUBITO PIENI – In pochi giorni le varie iniziative di raccolta di beni vari presso i centri appositamente allestiti anche in tempo reale, hanno raggiunto il loro obiettivo, raccogliendo in poco tempo grandi quantità di materiale da inviare nelle zone colpite dal sisma, al punto che anche la Regione Umbria – Dipartimento Protezione Civile ha dovuto più volte invitare i cittadini  “a non portare altro materiale ai centri di raccolta

E ancora, “al momento i bisogni sono stati ampiamente soddisfatti…è importante che la solidarietà della popolazione si manifesti, a seconda della disponibilità di ognuno, con un contributo da versare sul conto corrente attivato dalla Regione, a cui la Protezione Civile attingerà per specifiche azioni da mettere in campo”. Questo l’IBAN del c/c: IT32R02008 03033000104429137 – “Regione Umbria_Sisma agosto 2016”

Sullo stesso tema interviene l’ANCI, con un comunicato molto chiaro, nel quale definisce sconsigliabile la raccolta beni da parte dei comuni, che sono invitati a contattare la linea dedicata. L’ANCI, che continua a coordinare gli interventi d’intesa con la Protezione civile, ribadisce che tutti i Comuni che volessero unirsi alle iniziative già in corso, possono fare riferimento alla linea dedicata, scrivendo a protezionecivile@anci.it, oppure contattando i numeri 06.68009329  o 3463138116. È invece sconsigliabile l’organizzazione di raccolta beni per le popolazioni colpite, in assenza di indicazioni puntuali provenienti dalla Protezione Civile che sta operando sull’area. Le iniziative dei Comuni, in questa fase, potranno essere utilmente indirizzate alla raccolta di fondi per la ricostruzione, sul conto ANCI, causale “Emergenza Terremoto Centro Italia”, IBAN: IT27A 06230 03202 000056748129.

 

RACCOLTE A CURA DI ENTI – Oltre a quello sopra riportato della Regione Umbria, ed oltre al SMS solidale 45500 (immediatamente attivato dalla Protezione Civile e che in pochi giorni ha raccolto oltre 10 milioni di euro), anche altri enti si sono prodigati per raccogliere fondi a favore dei terremotati.  Ne ricordiamo qualcuno:

Croce Rossa Italiana in collaborazione con Poste Italiane: Conto corrente postale intestato ad: Associazione italiana della Croce Rossa Iban: IT38R0760103000000000900050

Bic/Swift: BPPIITRRXXX – Causale: Poste Italiane con Croce Rossa Italiana – Terremoto Centro Italia – Oppure Croce Rossa Italiana – Conto corrente bancario intestato ad Associazione italiana della Croce Rossa – Iban: IT40F0623003204000030631681 – Bic/Swift: CRPPIT2P086 Causale: Terremoto Centro Italia

Altre indicazioni su come contribuire alle attività della Croce Rossa, finanziariamente o con beni, sono disponibili sulla pagina web

Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI): Conto corrente intestato ad: ANCI

Iban: IT27A 06230 03202 000056748129  –  Causale: Emergenza Terremoto Centro Italia

Ulteriori informazioni sulle attività ANCI sono disponibili sulla pagina web:

Si segnala infine che sono attive anche diverse iniziative di solidarietà a cura di Arci, Chiesa Cattolica e Confcommercio.  Informazioni relative alle modalità di gestione di tali contributi sono reperibili sulle rispettive pagine web: ARCI  – Confcommercio

 

Iniziative di solidarietà della Coop Centro Italia per le popolazioni colpite dal sisma

La Coop Centro Italia ha costituito un Fondo di Solidarietà che può essere alimentato da ogni possibile contributo che soci, lavoratori e clienti vorranno esprimere effettuando un versamento sul conto corrente intestato a Coop Centro Italia – Emergenza Terremoto – presso Unicredit Spa IBAN IT 73 A 02008 02854 000104429141 – causale “Raccolta fondi per terremoto”. Sarà inoltre possibile lasciare contributi in denaro alle casse di tutti i nostri punti vendita utilizzando le urne dedicate. A chi ne faccia richiesta, sarà rilasciata apposita ricevuta per l’importo devoluto. Il totale ricavato sarà versato sul C/C sopracitato direttamente dai punti vendita. A tempo debito, conosciute le esigenze più significative relative alla ricostruzione materiale e morale dei territori, la Cooperativa (tramite i propri Organismi partecipativi e di concerto con l’ANCC) determinerà in piena trasparenza pubblica l’utilizzo dei fondi raccolti.

 

La Regione Umbria attiva una Raccolta Fondi On Line

L’iniziativa è destinata ad iniziative ed azioni per ripristinare le condizioni di vivibilità delle zone interessate dal sisma. Si potranno fare donazioni anche on line per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto. Leggi tutto

 

Non dimentichiamo il bisogno di sangue –  il Corriere dell’Umbria ricorda che sono 180 le donazioni di sangue effettuate in tre giorni a Foligno, Spoleto e Cascia, con 42 nuovi donatori iscritti nell’elenco regionale. Questo testimonia una grande risposta della popolazione in termini di solidarietà e sensibilità, nell’aiutare i connazionali colpiti dal terremoto nei giorni scorsi. Sono 116 le donazioni effettuate al Servizio immunoematologico e trasfusionale di Foligno, 60 a Spoleto e quattro a Cascia. La direzione dell’azienda Usl Umbria 2 “ringrazia quanti hanno inteso compiere un gesto concreto e spontaneo di aiuto alle popolazioni colpite dal sisma – si legge in una nota – in particolare i 42 cittadini che si sono iscritti nell’elenco regionale e che doneranno nei prossimi giorni, accogliendo le indicazioni dell’azienda sanitaria e del centro nazionale sangue ad una donazione differita e programmata per ripristinare le scorte e far fonte ad eventuali nuove emergenze”. Per contatti e informazioni si può consultare la homepage del sito web istituzionale dell’azienda Usl Umbria 2.

 

 

Condividi